Emblema della Repubblica
Governo Italiano - torna alla pagina principale

Cerca nel sito


Campagna di comunicazione “Giornata del malato oncologico”

Presentazione

In occasione della settima giornata del malato oncologico, che si terrà il 20 maggio 2012, è stata realizzata una campagna di comunicazione volta a promuovere le iniziative di sensibilizzazione e solidarietà nei confronti dei malati di cancro.

Lo spot televisivo della durata di 30”, è stato realizzato dal Dipartimento per il coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri insieme al Dipartimento per l’informazione e l’editoria, in collaborazione con il Ministero della salute e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

La campagna di comunicazione ha l’obiettivo di informare sulle opportunità e sulle tutele di cui possono disporre i lavoratori che sono affetti da patologie oncologiche e di sensibilizzare le imprese e l’opinione pubblica ad un approccio più sereno e non discriminatorio nei confronti dei malati di cancro, in particolar modo nel contesto lavorativo. L’attuale normativa prevede che i lavoratori del settore pubblico e privato affetti da patologie oncologiche, nonchè i familiari che prestano loro assistenza, possano trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno in part-time. Inoltre, in relazione alle esigenze manifestate dal lavoratore, il lavoro a tempo parziale può essere trasformato nuovamente in tempo pieno, ciò al fine di favorire il lavoratore nello svolgimento di un’attività serena e continuativa.

Continuare a lavorare diventa uno strumento fondamentale per non arrendersi e impegnarsi nella lotto contro il cancro. "Il cancro si combatte anche sul posto di lavoro. Difendi la tua normalità”.

Riferimenti normativi: art. 12 bis del D. Lgs. 25 febbraio 2000 n. 61, modificato dall’art. 46 lettera t del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276 (Legge Biagi) e dal comma 44 dell’art. 1 L. 24 dicembre 2007 n. 247.

Lo spot andrà in onda sulle reti RAI dalla prima decade di maggio fino al 20 maggio 2012.

A cura del Dipartimento per l'informazione e l'editoria

Informazioni generali sul sito