Emblema della Repubblica
Governo Italiano - torna alla pagina principale

Cerca nel sito


Dipartimento per l'informazione e l'editoria

   

Notizie dal Dipartimento

21 giugno 2017

In data 29 maggio 2017, nella Gazzetta Ufficiale n. 123 - Serie Generale è stato pubblicato il decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 69, recante “Disposizioni per l'incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l'accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione dell’articolo 2, commi 4 e 5, lettera a), della legge 26 ottobre 2016, n. 198”.

Il decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 69 è attuativo della legge 26 ottobre 2016, n. 198 nella parte in cui ha delegato il Governo, tra l’altro, a riformare la disciplina che oggi regola il riconoscimento degli stati di crisi per le imprese editoriali, l’erogazione degli ammortizzatori sociali e i requisiti richiesti ai giornalisti per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata, con la finalità di allineare progressivamente e con i necessari adattamenti dovuti alle peculiarità del settore, le regole vigenti in materia per le imprese editoriali a quelle previste in generale per gli altri comparti industriali.
In particolare, l’intervento sui prepensionamenti introduce un incremento dei requisiti di anzianità anagrafica e contributiva e pone il divieto di mantenere un rapporto lavorativo con il giornalista che abbia ottenuto il trattamento pensionistico anticipato. Il provvedimento segue, peraltro,  gli orientamenti a cui si è ispirata la riforma del sistema pensionistico dei giornalisti approvata recentemente dall’Istituto di Previdenza dei Giornalisti Italiani.
Di analogo segno è l’intervento sui criteri per il riconoscimento degli stati di crisi e l’erogazione degli ammortizzatori sociali: anche qui i principi ispiratori della delega imponevano di allineare sostanzialmente la disciplina delle imprese editoriali, risalente alla legge 5 agosto 1981, n. 416, alla normativa più generale, compendiata nel decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148.

 

 

 

Informazioni generali sul sito