Emblema della Repubblica
Governo Italiano - torna alla pagina principale

Cerca nel sito


Osservatorio per l’asse ferroviario Torino-Lione


 

COMPOSIZIONE

Fino al 2009 l’Osservatorio ospita al proprio interno tecnici espressione di tutte le Amministrazioni locali ricadenti nei sei ambiti territoriali interessati e/o interessabili dalle diverse opzioni di tracciato: la Città di Torino, l’Ambito Metropolitano (da Settimo Torinese ad Orbassano), l’Ambito morenico di Rivoli, la Val Sangone, la Bassa Valle di Susa e l’Alta Valle di Susa.

Nel 2010 il delinearsi del tracciato definitivo è accompagnato dalla ridefinizione della rappresentanza del territorio, tramite il DPCM 19 gennaio 2010. Tuttavia la partecipazione all’Osservatorio non costituisce obbligo ed impegno per le amministrazioni e “l’adesione ai lavori dell’Osservatorio lascia comunque alle amministrazioni aderenti la facoltà di poter discrezionalmente esprimersi sulla progettazione”.
Da quel momento tutta l’attività progettuale prosegue con l’apporto attivo dei 33 Comuni aderenti sui 50 aventi diritto: ai 17 autoesclusi è comunque garantita la possibilità di partecipare ai lavori in qualunque momento. Tale opportunità viene reiterata ogni volta, al cambio di amministrazione a seguito di elezioni.

Nel corso dell’anno 2013 vengono nominati due Vice Presidenti: l’arch. Paolo Foietta e l’on. Osvaldo Napoli. Tali cariche non comportano maggiori oneri per il bilancio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, essendo espletate a titolo gratuito.

Nella riunione del 18 dicembre 2014, alla ripresa dei lavori dopo un periodo di pausa che ha visto il rinnovo di molte delle amministrazioni comunali interessate dall’opera, nonché dei vertici della Regione Piemonte, a seguito delle elezioni della scorsa primavera, l’adesione all’Osservatorio rimane pressoché invariata, con 32 Sindaci che esprimono la propria volontà di partecipare (su 50 Comuni interessati dall'opera) contro i 33 del periodo precedente. I sindaci di Susa e di Condove ritirano la propria adesione, mentre il Comune di Giaglione, che era rimasto sino ad ora fuori dall'organismo, ne entra a far parte.

Con DPR  del 23 aprile 2015 è stato nominato Commissario Straordinario di Governo l’Arch. Paolo Foietta. Con lo stesso decade la propria nomina di Vice Presidente.
Il 20 maggio 2015 il DPR è stato registrato dalla Corte dei Conti REG 1411
Il 20 giugno 2015 il DPR è stato inoltre pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.141.

Con decreto del Presidente della Repubblica del 10 gennaio 2017 viene rinnovato l’incarico di Commissario straordinario del  Governo all’arch. Paolo Foietta. Come da DL n. 33 del 14/3/2013 il suddetto DPR è anche pubblicato sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri

con  Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del  1° dicembre 2017, registrato e vistato dalla Corte dei Conti in data 3 gennaio 2018, viene rinnovata la composizione dell’Osservatorio cosi come di seguito riportato.
L’Osservatorio è composto da un rappresentante delle seguenti amministrazioni:

  • Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
  • Ministero della salute
  • Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare
  • Dipartimento delle politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • 2 rappresentanti della Regione Piemonte
  • 2 rappresentanti della Città Metropolitana di Torino
  • 1 rappresentante per ognuno dei seguenti Comuni, organizzati per gruppi e suddivisi per ambito territoriale:

GRUPPO A :
ambito territoriale A1 - sezione transfrontaliera : Bussoleno, Chiomonte, Giaglione, Gravere, Mattie, Meana di Susa, Mompantero, Salbertrand, Susa e Venaus;
ambito territoriale A2 – varianti in nuova sede: Buttigliera Alta, Rivalta di Torino, Rivoli, Rosta e Orbassano;
GRUPPO B:
ambito territoriale B1 – adeguamento linea storica: Avigliana, Borgone di Susa, Bruzolo, Bussoleno, Chianocco, Chiusa di San Michele, San Didero, Sant’Ambrogio di Torino, Sant’Ambrogio di Susa e Vaie;
ambito territoriale B2 – adeguamento e miglioramento accesso nodo di Torino: Grugliasco, Moncalieri, Settimo Torinese, Torino e Trofarello;
ambito territoriale B3 – tracciato esistente della linea storica in media/alta Valle: Bardonecchia, Bussoleno, Chiomonte, Exilles, Gravere, Mattie, Meana di Susa, Oulx e Salbertrand
GRUPPO C:
Interventi connessi : Buttigliera Alta, Caprie, Cesana Torinese, Chianocco, San Didero e Torrazza Piemonte

con  successivo Decreto del Presidente della Repubblica  del  14 dicembre 2017, registrato e vistato dalla Corte dei Conti in data 9 gennaio 2018, viene rinnovato l’incarico di Commissario straordinario del Governo all’arch. Paolo Foietta