Emblema della Repubblica
Governo Italiano - torna alla pagina principale

Cerca nel sito


Amministrazione Trasparente

Piano degli indicatori 2014 e risultati attesi di bilancio

Il Piano degli indicatori, ai sensi dell’articolo 19, comma 3 del decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 91, per le amministrazioni centrali dello Stato, corrisponde alle note integrative disciplinate dall’articolo 21, comma 11, lettera a), e dall’articolo 35, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

Il bilancio di previsione per il 2014 articolato in missioni e programmi, affidati a ciascun centro di responsabilità deputato alla gestione unitaria di aree funzionali omogenee, è accompagnato dalla nota integrativa, formulata secondo le prescrizioni di cui all’ art. 7 del DPCM 22 novembre 2010, recante la disciplina dell’autonomia finanziaria e contabile della Presidenza del Consiglio dei ministri. La nota integrativa espone, nella prima parte il quadro di riferimento in cui la Presidenza del Consiglio opera nonché i criteri seguiti per la formulazione delle previsioni e nella seconda illustra il contenuto di ciascun programma di spesa e le corrispondenti risorse finanziarie, gli obiettivi associati ai singoli programmi di spesa di pertinenza di ciascun centro di responsabilità, i potenziali destinatari o beneficiari dell’intervento o del servizio, le attività che i centri intendono porre in essere per il conseguimento degli obiettivi.

Sono stati identificati un set di indicatori finanziari di misurazione degli obiettivi, selezionati tra quelli di realizzazione finanziaria, che indicano l’avanzamento della spesa prevista per la realizzazione dell’obiettivo, del servizio o dell’intervento. In particolare sono stati individuati:

  1. la capacità di impegno rappresentata dal rapporto tra le risorse che si intende impegnare e gli stanziamenti assegnati;
  2. la capacità di pagamento rappresentata dal rapporto tra le risorse che si presume di erogare e quelle impegnate;
  3. la capacità di smaltimento dei residui rappresentata dal rapporto tra i residui che si presume di pagare e l’ammontare complessivo dei residui.

Gli indicatori selezionati sono stati associati ai singoli capitoli per ogni programma di spesa. L’unità di misura di riferimento applicata per il calcolo dell’indicatore è in termini di percentuale (%). La fonte dei dati è costituita dal sistema informativo dal quale i dati provengono e dal quale si ricavano le informazioni necessarie per il calcolo dell’indicatore.

 

Pubblicazione ai sensi dell'art. 29, c. 2 del d.lgs. 33/2013

Pagina pubblicata il 15 gennaio 2014
Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2014

Informazioni generali sul sito