Emblema della Repubblica
Governo Italiano - torna alla pagina principale

Cerca nel sito


Ti trovi in: Home : Amministrazione trasparente : Organizzazione : Articolazione degli uffici : Ufficio del Segretario generale :

Amministrazione Trasparente

Ufficio del Segretario generale

Funzioni

L'Ufficio del Segretario generale opera nell'area funzionale della progettazione delle politiche generali e delle decisioni di indirizzo politico-amministrativo; coadiuva il Segretario generale nell'elaborazione degli atti di indirizzo generale e di direttiva, anche in relazione al raccordo tra i diversi livelli di governo, e nel coordinamento tra le diverse strutture della Presidenza. L'Ufficio assicura i servizi generali nella sede del Governo. In particolare, l'Ufficio assiste il Segretario generale nella definizione della normativa e degli atti organizzativi inerenti alla Presidenza e nell'esercizio delle funzioni istituzionali di coordinamento e di supporto al Presidente nei rapporti con le Autorità amministrative indipendenti, con il sistema delle autonomie e con le altre amministrazioni ed enti; cura le attività redazionali del sito intranet e promuove iniziative per il miglioramento della comunicazione interna; cura la gestione della Biblioteca Chigiana; provvede, in collaborazione con gli Uffici interessati, alla gestione del sistema di protocollo informatico integrato della Presidenza e alla riorganizzazione dei sistemi archivistici del Segretariato generale; cura le attività di accettazione e di smistamento della corrispondenza e del centro di fotoriproduzione; assicura i servizi di anticamera nella sede di palazzo Chigi. L'Ufficio assicura altresì il supporto organizzativo ed il servizio di segreteria alla conferenza dei Capi delle strutture generali per l'esame delle problematiche di carattere generale e alla conferenza dei Capi di Gabinetto dei Ministri senza portafoglio. Costituisce servizio dell'Ufficio la Segreteria speciale principale per le attività di supporto al Segretario generale negli adempimenti connessi alla sicurezza interna e al segreto di Stato, nel cui ambito opera il Centro comunicazioni classificate, deputato alla trattazione di informazioni classificate per mezzo di apparati elettronici. Nell'ambito dell'Ufficio opera, a livello dirigenziale generale e in raccordo funzionale con il capo dell'Ufficio, l'Ufficio studi e rapporti istituzionali. Presso l'Ufficio opera altresì, con autonomia funzionale e gestionale, il Servizio per i voli di Stato, di Governo e umanitari che riferisce direttamente al Segretario generale.

Normativa

Contatti

Sede: Palazzo Chigi, Piazza Colonna 370, e via della Mercede, 96 - 00187 Roma
Tel.: (+39) 06 6779 3206
Fax: (+39) 06 6779 7743
PEC: usg@mailbox.governo.it 

Organizzazione

Organigramma in formato grafico

  • Capo dell'Ufficio:
    • Segreteria amministrativa
      Numero risorse umane assegnate: 5
    • Redazione Intranet
      Numero risorse umane assegnate: 5
  • Dirigenti in posizione di staff

    • Servizio per le funzioni istituzionali
      Coordinatore: Mariangela Valenti
      Numero risorse umane assegnate: 39
      Funzioni: esamina atti e documenti sottoposti al Segretario generale e svolge, su sua richiesta, ricerche e analisi di carattere giuridico-amministrativo su questioni specifiche; supporta il Segretario Generale nelle attività istituzionali relative ai rapporti con i Ministeri, le Autorità indipendenti e altri Enti, effettuando anche ricerche di carattere normativo e giurisprudenziale. Svolge le attività necessarie per la predisposizione del bilancio della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la parte dell’Ufficio del Segretario Generale e coordina la gestione delle risorse. Organizza annualmente il premio intitolato a Giacomo Matteotti e gestisce i servizi di anticamera di Palazzo Chigi
    • Servizio per il raccordo organizzativo e funzionale tra le strutture della Presidenza
      Coordinatore: Stefania Vitucci
      Numero risorse umane assegnate: 10
      Funzioni: Il Servizio fornisce il supporto tecnico al Segretario generale per le attività di coordinamento e di raccordo organizzativo e funzionale tra le strutture della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in particolare assicurando l’istruttoria dei provvedimenti organizzativi delle strutture generali della Presidenza del Consiglio dei Ministri e curando i rapporti con gli uffici che predispongono atti relativi all'articolazione interna delle suddette strutture, nonché con quelli competenti per l'organizzazione degli uffici di diretta collaborazione del Presidente del Consiglio, del Sottosegretario alla Presidenza e dei Ministri senza portafoglio. Il Servizio, inoltre, compie l’istruttoria sugli atti sottoposti alla firma degli organi di vertice ed assicura agli uffici proponenti le informazioni sullo stato di tali atti e fornisce il quadro informativo necessario per l'assunzione di decisioni inerenti a scelte strategiche, anche promuovendo l'utilizzo di metodologie innovative per la valutazione degli impatti amministrativi. Il Servizio effettua ricerche e analisi di carattere giuridico-amministrativo e organizzative su questioni specifiche, individuate dal Segretario generale o dal Capo dell'Ufficio e supporta quest’ultimo nelle attività di controllo gestionale, di valutazione della dirigenza e di predisposizione degli obiettivi di direttiva annuale dell'Ufficio del Segretario generale curando a tal fine i rapporti con l'Ufficio per il controllo interno, la trasparenza e l’integrità
    • Servizio per la conservazione, l'informatizzazione e la ricerca della documentazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri
      Coordinatore: Paola Tarquini
      Numero risorse umane assegnate: 22
      Funzioni: Assicura la conservazione e la catalogazione informatica dell'Archivio della Presidenza del Consiglio dei ministri, anche regolamentandone le modalità di deposito e di accesso; valorizza il patrimonio documentale della Presidenza, promuovendo esposizioni e pubblicazioni e collaborando con le Istituzioni culturali allo scopo di favorirne l'utilizzazione. Assiste le ricerche di documenti richieste dagli studiosi e dalla magistratura;  propone e organizza iniziative per la formazione del personale assegnato alle attività di archiviazione. Promuove progetti di dematerializzazione documentale negli uffici e dipartimenti della Presidenza.  Assicura, in collaborazione con gli uffici interessati, la corretta formazione degli archivi correnti e del protocollo informatico della Presidenza, promuovendone l'adeguamento tecnologico, scientifico e organizzativo e cura il sistema di classificazione generale degli atti e dei documenti al fine di favorire lo scambio informativo tra le strutture. Coordina e organizza le attività di protocollo e di archiviazione della corrispondenza dell'Ufficio e del Segretario generale; assicura la gestione delle banche dati relative all'archivio della corrispondenza di transito, agli atti sottoposti alla firma degli organi di vertice ed agli atti giudiziari. Promuove, anche in collaborazione con il Dipartimento per le risorse umane e dei servizi informatici, lo sviluppo dei processi di trasmissione telematica della documentazione rilevante per l'attività istituzionale di più uffici. Coordina l'organizzazione e il complesso delle attività del servizio di accettazione e di spedizione della corrispondenza nonchè del centro di fotoriproduzione.
    • Servizio Biblioteca Chigiana
      Coordinatore: Antonella Chirico
      Numero risorse umane assegnate:7
      Funzioni: Gestione e valorizzazione della biblioteca Chigiana della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Aggiornamento ed incremento del patrimonio librario nelle materie giuridiche, socio-politiche ed economiche funzionali alle attività istituzionali dell’Amministrazione. Valorizzazione dei fondi bibliografici acquisiti da altre strutture bibliotecarie e da privati. Promozione e sviluppo dello scambio di informazioni con altre strutture bibliotecarie e centri di documentazione al fine di favorire la crescita e la qualità dei servizi e delle attività di ricerca offerti. Cura costante dell’aggiornamento professionale del personale assegnato con la realizzazione di percorsi formativi specialistici. nelle materie di competenza della struttura. Promozione della biblioteca Chigiana come luogo di incontro per lo svolgimento di riunioni, seminari e attività culturali.
    • Servizio Segreteria speciale principale
      Coordinatore: Vincenza Palocci
      Numero risorse umane assegnate: 17
      Funzioni: Assiste direttamente il Segretario Generale nello svolgimento dei compiti previsti dalla legge 3 agosto 2007, n. 124, “Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto”, e dal successivo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 luglio 2011, “Disposizioni per la tutela amministrativa del segreto di Stato e delle informazioni classificate”. Nell’ambito della Segreteria speciale principale opera il Centro comunicazioni classificate, deputato alla trattazione di informazioni classificate per mezzo di apparati elettronici e che pertanto opera alle dirette dipendenze del Capo della Segreteria speciale principale.
    • Servizio per i Voli di Stato, di Governo e umanitari
      Coordinatore: Valerio Celotto
      Numero risorse umane assegnate: 4
      Funzioni:Il servizio é la struttura di supporto al Presidente per la disciplina, il coordinamento, l'autorizzazione, l'effettuazione e il controllo del trasporto aereo di Stato o comunque di interesse dello Stato, ivi compresi il trasporto aereo per ragioni sanitarie d'urgenza ed umanitarie e per finalità di sicurezza.

Il Comitato Nazionale per la Bioetica (numero risorse umane assegnate: 8) svolge le seguenti funzioni (DPCM 28 marzo 1990, DPCM 27 settembre 2013)

    • formula pareri e mozioni sui problemi etici scaturenti dal progresso della ricerca scientifica e tecnologica in ambito medico, biologico, sanitario, con riguardo ai riflessi che ne derivano per l’uomo e la sua dignità, per la società, l’ambiente, il mondo animale e vegetale e le generazioni future;
    • prospetta soluzioni per le funzioni di controllo rivolte sia alla tutela della sicurezza dell’uomo e dell’ambiente nella produzione di materiale biologico, sia alla protezione da eventuali rischi dei pazienti trattati con prodotti dell’ingegneria genetica o sottoposti a terapia genetica;;
    • individua punti di convergenza in vista della predisposizione di atti legislativi o amministrativi, relativi ai temi oggetto di analisi da parte del CNB, che tutelino i valori morali e i diritti fondamentali di tutti i soggetti interessati, così come sono espressi dalla Carta costituzionale e dagli strumenti internazionali ai quali l’Italia aderisce;
    • svolge una funzione di stimolo e di supporto nei confronti dei Comitati di etica locali;
    • svolge una attività di rappresentanza e di interazione costante nei rapporti con istituzioni che nel mondo si occupano di bioetica, in particolare i Comitati di bioetica di altre nazioni e le Commissioni di bioetica internazionali e sovranazionali;
    • promuove l’inserimento della cultura bioetica nei programmi educativi delle scuole di diverso ordine e grado.

Il Comitato Nazionale per la biosicurezza, le  biotecnologie e le scienze della vita (numero risorse umane assegnate: 8) svolge le seguenti funzioni (LEGGE 19 FEBBRAIO 1992 N. 142), DPCM 13 giugno 2016:

  • elabora criteri per la definizione di norme di qualsiasi rango relative agli ambiti applicativi della biosicurezza, delle biotecnologie e delle scienze della vita;
  • collabora all’elaborazione delle norme di recepimento delle direttive europee che in qualsiasi modo comportino implicazioni relative alle biotecnologie e alle scienze della vita;
  • quale supporto diretto del Presidente del Consiglio dei ministri:
    • Assicura il coordinamento, l’armonizzazione e l’integrazione dei programmi, delle iniziative e delle attività dei ministeri, degli enti e degli organismi, pubblici e privati, operanti nel settore delle biotecnologie e delle scienze della vita;
    • segue gli sviluppi delle scienze della vita, con particolare riguardo alle biotecnologie (medicina rigenerativa e riproduttiva, biobanche) e alle nanotecnologie, tenendo conto dell’evoluzione del dibattito scientifico;
    • favorisce la conoscenza delle iniziative e delle attività svolte in questi settori, onde consentire forme di intervento unitarie ed omogenee in campo nazionale; favorisce e verifica, altresì, la corretta divulgazione delle nuove  acquisizioni nel campo delle biotecnologie e della salute pubblica;     
    • collabora alla definizione della posizione italiana in campo comunitario ed in campo internazionale, con riferimento anche agli organismi in cui si dibattono problemi concernenti la biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita;
  • il Comitato, ove interessato, esprime pareri:
    • alla Presidenza del Consiglio nell’ambito delle materie di competenza;
    • alla Commissione interministeriale di valutazione in materia di impiego confinato di microrganismi geneticamente modificati;
    • alla Commissione interministeriale di valutazione istituita con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare in materia di attuazione della direttiva 2001/18/CE, concernente l’emissione deliberata nell’ambiente di organismi geneticamente modificati;
    • al Comitato nazionale di bioetica;
    • all’Ufficio italiano brevetti e marchi, in sede di valutazione della brevettabilità di invenzioni biotecnologiche;
  • il Comitato, in qualità di organo di garanzia per il rispetto dei criteri e delle norme tecniche per il funzionamento del laboratorio centrale per la Banca dati nazionale del DNA, svolge le seguenti funzioni:
    • esegue, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, verifiche presso il medesimo laboratorio centrale e i laboratori che lo alimentano;
    • formula suggerimenti circa i compiti svolti, le procedure adottate, i criteri di sicurezza e le garanzie previste, e per ogni altro aspetto ritenuto utile per il miglioramento del servizio;
  • promuove ed organizza, nei limiti di spesa assegnati in bilancio, convegni e seminari per la diffusione, la conoscenza e l’informazione sulle biotecnologie e sulle scienze della vita;
  • stipula convenzioni con enti pubblici o privati per il perseguimento dei propri fini;
  • presenta annualmente al Presidente del Consiglio dei ministri un rapporto sullo stato della biosicurezza, delle biotecnologie e delle scienze della vita in Italia.

Segretaria di entrambi i comitati: dott.ssa Agnese Camilli
Numero risorse umane assegnate per entrambi i comitati: 8 unità di personale

Sito Web


Uffici e Servizi con sito web autonomo:


Pagina pubblicata il 15 gennaio 2014
Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2017